Pubblicazioni

Budget resolution approvata alla camera per il GOP il percorso difficile inizia ora:

April 11 2017
Image
  • Budget resolution approvata alla camera per il GOP il percorso difficile inizia ora:

    la budget resolution è stata approvata alla camera con 219 voti a favore e 206 voti contrari ben 18 rappresentanti repubblicani hanno votato contro. Il Senato voterà in commissione oggi e prevede di approvare il provvedimento in aula la prossima settimana. Grazie a questo provvedimento al senato sarà possibile approvare la riforma fiscale con una maggioranza semplice di 51 voti su 100. La direttiva sul bilancio prevede tagli ai programmi di assistenza alimentare e sanitaria per i più poveri, e prevede di incrementare il deficit su 10 anni di $ 1.3-1.5 trilioni; qualora non dovesse essere approvata leliminazione delle deduzioni delle tasse locali dalla tassa sul reddito individuale, il deficit creato dal provvedimento sarebbe intorno ai $2.4 trilioni. I benefici in termini di crescita, secondo il segretario al Tesoro Munchin, dovrebbero essere di circa $2 trilioni tuttavia, dati gli evidenti benefici garantiti alle classi più ricche, resta difficile credere come la riforma possa tradursi in un rilancio dei consumi della classe media. Inoltre, bisogna sottolineare come il piano escluda a priori qualsiasi recessione negli Stati Uniti nei prossimi dieci anni.

    Deduzione tasse locali, il nodo principale della riforma fiscale: le tasse statali sono particolarmente elevate nei ricchi stati occidentali e nord-orientali, tradizionalmente democratici, e in alcuni swing-states. Attualmente 35 repubblicani rappresentano gli stati di New York, New Jersey, California e Illinois; molti di loro rappresentano distretti che possono essere ripresi dai democratici alle prossime elezioni di mid-term. Per evitare scontri su questo punto ed evitare un bagno di sangue alle prossime mid-term elections, il partito potrebbe optare semplicemente per un deficit maggiore... ma anche questa strada è difficilmente praticabile, sopratutto al senato.

    Fiscal hawks non particolarmente entusiasti: il sen. Bob Corker, R-Tenn., ha annunciato che non si ripresenterà alle prossime elezioni, e nelle dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni ha dato limpressione di parlare molto più liberamente. Riguardo la riforma fiscale e la budget resolution ha dichiarato: "Unless it reduces deficits let me say that one more time unless it reduces deficits and does not add to deficits with reasonable and responsible growth models, and unless we can make it permanent, I don't have any interest in it,".

    Turbo-liberisti ugualmente insoddisfatti: il senatore del Kentucky Rand Paul, famoso per le sue posizioni liberiste, ha dichiarato che lattuale riforma non beneficerà adeguatamente la classe media in termini di tagli alle tasse, e preferirebbe che il draft finale fosse diverso da quello attuale.

    1

    Political bulletin | 6 ottobre 2017 

     
PREVIEW

Debt Ceiling successo (?) per la Casa Bianca

NEXT